Giovedì d'essai

 

 

Rassegna PRIMAVERA 2005

 

Gennaio - Maggio

 
 

 Il Film Della Settimana

 

2046

Recensione di Alberto Crespi

(L'Unità)

Scheda a cura di Lucia Marino

 

Vota il Film !

Come Votare e Vincere

 

Eros sofisticato e retrò nel "2046" di Wong.

Con Wong Kar-Wai siamo di fronte al primo caso di un regista cinese divenuto «alla moda» in Occidente: ed è curioso che ciò avvenga con un cineasta così sofisticato, anziché con i maestri del cinema d’azione come John Woo e Tsui Hark. Tra l’altro, anche Wong ha avuto i suoi trascorsi nel noir ("As Tears Go By", la sua opera prima) e nel cappa e spada (l’incomprensibile, bellissimo "Le ceneri del tempo"). Ma la sua fama tra i cinefili è esplosa con "In the Mood for Love", affascinante melò datato 2000 del quale ora "2046" è una sorta di seguito.

Tony Leung interpreta sempre il personaggio di Mr. Chow, un giornalista dandy nella Hong Kong degli anni ’60 (anche se tutto sembrerebbe rimandare all’immediato dopoguerra). Stavolta, però, le storie d’amore si moltiplicano e le identità sfumano: Gong Li prende il posto di Maggie Cheung (che, pur citata nei titoli, compare solo di sfuggita) e altre donne popolano i sogni del protagonista, che qua e là sfociano nella fantascienza: si immagina che Chow stia scrivendo un racconto i cui personaggi fuggono nel 2046, l’unico «luogo» nel quale si conservano i ricordi, ma dal quale è impossibile tornare.

Per la cronaca, il 2046 è secondo Wong l’anno in cui sarà passato mezzo secolo dal ritorno di Hong Kong alla Cina Popolare: essendo tale ritorno avvenuto nel 1997, possiamo dire che nel mondo di Wong anche la matematica, come la linearità narrativa, è un’opinione.

Arrivato a Cannes in copia lavoro, "2046" è il risultato di un montaggio durato mesi, dopo riprese durate anni: Kar-Wai, potendo, non finirebbe mai i suoi film. È un oggetto iper-sofisticato, di un’eleganza formale eccelsa e quasi stucchevole. È anche un film claustrofobico, retto su un’idea di erotismo decadente, nostalgica, rétro. Un’opera antichissima e modernissima, in cui lo stile è tutto. Può piacere molto, o irritare molto. Ed è inferiore alla fama che si era costruito prima ancora di nascere.

 

Vedi anche...

LA RECENSIONE DI MOVIE MANIAC   

 

 

DAI IL TUO VOTO AL FILM!!!

Regolamento Vota e Vinci   -   Guarda la Classifica

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:  

 ... e vota il film         

L'invio del voto comporta l'iscrizione alla mailing list del Cinema

non voglio essere inserito nella mailing list (il voto verrà annullato)

La recensione di

Film in programmazione

Giovedi

10 Marzo 2005

h 21,00

Regia Wong Kar-Wai
Anno

2003

Origine Italia / Francia / Hong Kong
Genere Drammatico
Durata 112 '

Personaggi

Interpreti

  Chang Chen 
  Tony Leung
  Maggie Cheung
  Takuya Rimura
  Faye Wong
Note & Premi