Giovedi d'Essai

 

 

Gennaio - Maggio 2004

 
 

 Il Film Della Settimana

 

Elephant

Vota il Film !

 

di Roberto Nepoti

(La Repubblica)

a cura di Lucia Marino

 

La recensione di

Dopo le esperienze hollywoodiane, Gus Van Sant è tornato alla produzione indipendente. Non che film come "Will Hunting" o "Scoprendo Forrester" mancassero di qualità, anzi; solo che Gus, da degno figlio della controcultura americana, è capace di rinunciare ai privilegi della categoria mainstream pur di fare esattamente il cinema che vuole. Lo ha dimostrato col precedente "Gerry" (non ancora uscito in Italia: ma ci arriverà tra poco), lo ha ribadito con "Elephant", che a Cannes si è aggiudicato in un colpo solo la Palma d'oro e il premio per la migliore regia.

Eppure, prima che la HBO accettasse di finanziarlo, il soggetto era sembrato troppo imbarazzante ai produttori interpellati dal regista. L'episodio evoca un fatto realmente accaduto: la strage del liceo di Columbine, che aveva già ispirato un film (omonimo) a Alan Clarke e al quale, l'anno scorso, Michael Moore dedicò l'eccezionale "Bowling for Columbine".

Più che un semplice film, nel senso del tipo d'intrattenimento con cui siamo abituati a intendere il termine, "Elephant" (il titolo si riferisce ai massacri compiuti dai pachidermi impazziti) è un'esperienza che ti lascia ammirato e, insieme, t'immerge in un profondo disagio. Là dove Moore conduceva un'inchiesta con le risposte già pronte in mente, Van Sant rappresenta invece i fatti come fosse all'oscuro dell'accaduto e li venisse scoprendo assieme allo spettatore: per far ciò mette in scena, con tocchi da impressionista, le ore che precedono la tragedia, le normali attività quotidiane che si svolgono nello spazio (apparentemente) protetto del liceo.

Nulla di particolare avviene dentro l'isolotto iperregolato della scuola: i ragazzi (giovani sconosciuti scelti nella regione di Portland ) seguono le lezioni, flirtano, mangiano, fanno fotografie. La cinepresa li segue in lunghi piani-sequenza montati senza stacchi; praticamente li pedina, mettendo la cinepresa appena dietro le loro spalle per seguirne meglio le azioni. Le medesime situazioni tornano più volte, da differenti punti di vista: tanto che è difficile distinguere il flashback dal flashforward.

Poi gli eventi precipitano. Due liceali in tuta mimetica, che hanno dichiarato guerra alla scuola, irrompono nell'edificio e uccidono tutti i coetanei che trovano sulla loro strada.

La strage è terrificante: sembra un teen-movie dell'orrore, collocato in uno spazio fattosi improvvisamente fantasmatico; invece sono atti ben concreti, dei quali il film rifiuta di fornire approssimative spiegazioni sociologiche. Non c'è catarsi finale, né alcun tentativo di rassicurare: in questo consistono, a conti fatti, la terribilità e la bellezza di un film che s'installa nella mente dello spettatore, e proprio per il modo in cui sfugge ai canoni in uso nel discorso cinematografico.

 

Vedi anche  LA RECENSIONE DI MOVIE MANIAC

 

DAI IL TUO VOTO AL FILM!!!

Inserisci il tuo indirizzo mail:  

 ... e vota il film         

l'invio del voto comporta l'iscrizione alla mailing list del Cinema

non voglio essere inserito nella mailing list (il voto verrà annullato)

in programmazione...

 

Giovedi 29 Gennaio 2004

h 21,00

Regia Gus Van Sant
Anno

2003

Origine USA
Genere Drammatico
Durata 81 '

Personaggi

Interpreti

  Eric Deunel
  Alex Frost
  Elias Mc Connel
  John  Robinson
   
Note & Premi

 

Festival di Cannes

(2003):

 

Palma d'Oro

Miglior Film,

Miglior Regia

(Gus Van Sant)