I Più Brutti

 

 

Il mio Commento alla serata della

"Notte degli Oscar" 2009

Home

Novità

Tutti i Film

Classifiche

Box Office

Cerca il film 

 

Vai a Nomination e Vincitori

Vai ai "Contatori" delle Nomination e delle Statuette

 

Domenica

22 Febbraio 2009

 

www.oscar.com

Oscar 2009     

Commento alla Serata

di Daniele Toninelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I Vincitori  

Vincitore assoluto, come miglior film del 2008, è "The Millionaire" (in originale "Slumdog Millionaire"). E la vittoria è assolutamente meritata. 8 Oscar su 10 nomination: tre Oscar tecnici (fotografia, sonoro e montaggio, veramente eccellente), due musicali (miglior colonna sonora e canzone, entrambe in perfetto Bollywood style) e anche tre dei principali (miglior sceneggiatura non originale, regia e miglior film).

Non male l'intenso "Milk" e l'adrenalinico "Il Cavaliere Oscuro", anche se le 8 nomination a testa lasciavano presagire qualche premio in più. Per "Milk" due premi molto importanti: al migliore attore protagonista (l'eccellente Sean Penn) e alla migliore sceneggiatura originale. Per "Il Cavaliere Oscuro", invece, un solo Oscar tecnico (l'Oscar per gli effetti speciali è andato, incredibilmente a "Il Curioso Caso di Benjamin Button") per gli effetti sonori e il premio (meritatissimo) a Heath Ledger. Commovente il ritiro del premio da parte dei famigliari, dopo la scomparsa dell'attore nel Gennaio 2008.

 

Le Sorprese 

La Notte degli Oscar quest'anno non ha riservato molte sorprese, tanto che sulle 20 categorie per cui ho fatto il mio pronostico, sono riuscito a pronosticare 12 vincitori (non penso sia mai successo che ne abbia indovinate tante!). Forse le due sorprese principali sono state il premio ai migliori effetti speciali assegnato a "Il Curioso Caso di Benjamin Button" (a mio parere, sia "Il Cavaliere Oscuro" sia "Iron Man" avrebbero meritato di più il premio) e la vittoria di Kate Winslet (peraltro già premiata ai Golden Globe). Avrei scommesso tutto sulla eccellente performance di Angelina Jolie in "Changeling", ma è anche vero che "The Reader" non l'ho ancora potuto valutare, visto che in Italia ancora non è uscito.

 

Gli Sconfitti 

Tra gli sconfitti, in prima fila spicca "Il Curioso Caso di Benjamin Button", 13 nomination e solo 3 Oscar minori: scenografie, trucco ed effetti speciali. In effetti a mio parere il film era stato eccessivamente sopravvalutato, con le sue 13 nomination. Sconfitta anche la famiglia Pitt-Jolie: ma se per Pitt un Oscar come migliore attore sarebbe stato veramente esagerato (visto anche il determinante aiuto del trucco alla sua performance), la Jolie avrebbe senz'altro meritato il riconoscimento per "Changeling".

Se il bellissimo "WALL-E" su 6 nomination si consola solo con il premio al miglior film di animazione, molto peggio è andata a quattro film molto belli, rimasti a bocca asciutta. Si tratta di "Frost/Nixon - Il duello" (il teso e avvincente film di Ron Howard), "Il Dubbio" (eccellente prova di bravura attoriale con Seymour Hoffman, la Streep e Amy Adams), entrambi con 5 nomination; e poi, con 3 nomination a testa, restano a bocca asciutta anche "Revolutionary Road" e "Changeling".

Inattesa anche la sconfitta di Mickey Rourke per "The Wrestler", film vincitore del festival di Venezia e parte già premiata con il Golden Globe per il migliore attore drammatico.

 

Curiosità

"Il Musical è tornato!" così il conduttore, Hugh Jackman, ha introdotto uno dei tanti numeri musicali che hanno fatto da contorno alla cerimonia di consegna dei premi.

Tra gli attori e le personalità scomparse nell'ultimo anno, l'applauso più intenso è andato a Paul Newman. Standing ovation per Jerry Lewis, che ha ricevuto l'Oscar alla carriera e per i gruppi di 5 attori ed attrici che hanno premiato le proprie categorie. Gli autori hanno introdotto questa innovazione: alcuni attori premiati negli anni precedenti presentano ciascuno dei candidati a ricevere il premio. Forse, piuttosto che sentirne le lodi (non sempre convinte) dei colleghi, sarebbe stato meglio, come da tradizione, vedere i momenti più intensi degli attori candidati.

Altra nota tecnica: spesso, a discapito della comprensibilità grafica, sono stati usati schermi ripresi da telecamere mobili per presentare clip, candidati, e così via. Anche in questo caso, a rischio di avere una regia tradizionale, forse sarebbe meglio fare un passo indietro.

La Notte degli Oscar, edizione 2009, è stata condotta da Hugh Jackman, reduce dal recente "Australia" (flop di Baz Luhrman, che ha curato il momento musicale di tributo ai Musical della serata). L'attore non si è dimostrato un ottimo cantante, ma ha dimostrato di essere simpatico e di saperci fare con la conduzione e i ritmi televisivi.

La cerimonia è stata trasmessa, come da tradizione, in diretta dal Kodak Theatre di Los Angeles. La serata è durata dalle ore 17,30/20,30 (costa Ovest/Est degli Stati Uniti) alle ore 20,25/23,25 (dalle 2,30 alle 5,55 di notte in Italia).

 

Daniele Toninelli

 

Vai a Nomination e Vincitori

Vai ai "Contatori" delle Nomination e delle Statuette

Home   Novità   Tutti i Film   Classifiche   Box Office   Cerca il film