Top Film della Stagione

          Giugno 2003         

La Città Incantata

Scheda               

Regia

Hayao Miyazaki

Genere

Animazione

Anno

2002

Nazionalità

Giappone

Personaggi

Chihiro, Yubaba, Haku, Boo, Lin, Zeniba

Titolo Originale

Sen to Chihiro no Kamimakuschi

Durata

2 h, 05 '

Il Voto                                    

9,10 /  10

Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

Il Plot

        Chihiro si sta trasferendo in una nuova casa; durante il trasferimento, il padre, pensando di avere trovato una scorciatoia, sbaglia strada e si trova di fronte a quello che sembra l'ingresso di un antico tempio. Nonostante la paura, Chihiro non riesce a trattenere i genitori, che si avventurano all'interno di un lungo e tetro tunnel. Al di la di esso, troveranno una città che sembra deserta. Il papà di Chihiro viene attirato dal buon odore che proviene da una cucina e, trovato un bancone imbandito di ogni delizia, si butta con la moglie abbuffandosi a più non posso. Chihiro capisce che sta per succedere qualcosa di inquietante, e infatti poco dopo i genitori vengono trasformati in maiali... Chihiro, disperata, riesce a sfuggire, grazie all'aiuto di Haku, agli spiriti che sembrano non sopportare la presenza di un essere umano e si fa assumere nelle terme per gli spiriti, sperando di riuscire a tornare in futuro a casa con i genitori. Alle terme incontra personaggi di ogni sorta...

Secondo me…            

        Meraviglioso, davvero, questo cartoon della Ghibli, la casa di produzione del maestro dell’animazione giapponese Miyazaki. Il film è zeppo di invenzioni visive che sono una meraviglia per i nostri occhi. E anche la sceneggiatura è di una originalità sorprendente; non vedo tutti i riferimenti attribuiti al film nei confronti di “Alice nel paese delle meraviglie”.

        Attraverso un disegno dettagliato e ricco di particolari siamo trasportati con leggerezza in questo mondo di favola dove ogni personaggio ha una valenza simbolica e una presenza scenica straordinaria, basta una breve apparizione per delineare un carattere.

        Ogni scena, ogni inquadratura è un dipinto da ammirare in tutta la sua perfezione, in tutta la sua ricchezza di dettagli.

        E poi c’è una delle storie più intrise di autentico romanticismo che mi sia capitato di vedere negli ultimi tempi, ma vorrei evitare di raccontarvi troppo sul film... ; ma viene anche esaltato il valore dell'amicizia, degli affetti familiari, ...

        I riferimenti alla cultura giapponese (ogni oggetto, dal fiume al cattivo odore, possiede un proprio spirito) e le affinità tra i tratti di quest’opera d’arte con molti cartoon giapponesi che ho assiduamente seguito nella mia infanzia (a cui il film mi ha nostalgicamente riportato con la memoria) sono altri due aspetti che rendono ancora più interessante la visione del film.

        Ma molte cose, a parole, non si riesce a spiegarle, come quando si resta prigionieri in una sorta di incantesimo. E, da questo punto di vista, “La Città Incantata - Spirited Away” per lo spettatore è un vero incanto, un autentico capolavoro che, ancora una volta, testimonia quanto possa volare in alto il caro, vecchio, buon, tradizionale cinema di animazione.

                     Daniele T.

 

Visione del film 12-6-2003 ;   Pubblicazione scheda 21-6-2003

Il sito ufficiale del film

http://www.mikado.it/lacittaincantata/home.html

I Voti degli Altri

La nostra classifica

Ciak

Corriere della Sera

International Movie Data Base

Incassi (USA / Italia)

9,10 / 10

Bellissimo

**** / 5

Da non perdere

**** / 5

Molto Bello

8,70 / 10 Bassini / Bassini

Scrivete la vostra opinione e il vostro voto a: dt.moviemail@libero.it