Top Film di Stagione

 

 

Gennaio 2004

 

 

Scheda

Voto & Vota

Plot

La Recensione

Sito del Film

I Voti

Le Date

Commenta tu... I Visitatori di MM

 

21 Grammi

Scheda               

Regia

Alejandro Gonzàlez Inarritu

Genere

Drammatico

Anno

2003

Nazionalità

USA

Interpreti

Sean Penn, Naomi Watts, Benicio Del Toro, Charlotte Gainsbourg

Titolo Originale

21 Grams

Durata

2 h, 05 '

 

Il Voto            

8,40 /  10

Dai il TUO voto al Film

inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!

      

 

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

Controlla il voto medio del film...

o la Posizione del film nella "MM Parade"

Sponsor

ATTENZIONE! Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

Il Plot

        Paul (Sean Penn), accanito fumatore in fin di vita, è in attesa di un trapianto di cuore che sembra non dover mai arrivare. Jack (Benicio del Toro) è un ex galeotto che, per redimersi dai peccati, ha sposato completamente la causa religiosa e si fa strenuo portavoce dei valori della chiesa. Cristina (Naomi Watts) è una donna che vive felice: sposata, due figli. Il percorso di questi tre personaggi sarà destinato ad incrociarsi tragicamente. Jack infatti investe, uccidendolo, il marito di Cristina, e il di lui cuore viene trapiantato a Paul. Paul vuole scoprire a tutti i costi chi è il suo salvatore e assume un investigatore privato che si mette sulle traccie di Cristina.

 

 

 

 

Secondo me…

 

        Di “21 Grammi” si può dire tutto, tranne che lasci indifferente lo spettatore. E questo per una serie di motivi.

        Il primo è che schiera un cast di prim’ordine in particolare l’ottimo terzetto di protagonisti: il sempre più bravo Sean Penn, qui alle prese con l’attesa di un trapianto che potrebbe salvargli la vita, la disperata (oltre che bella) Naomi Watts, che viene travolta da una tragedia che le rovina la vita, il tormentato e deciso Benicio del Toro, che cerca di affrontare di petto le avversità che la sua esistenza gli ha riservato e cerca di redimersi per i peccati commessi in passato (ma forse la vera pena da scontare, per lui, sarà di non riuscire mai a scontarli).

        Tre storie diverse, tre modi di restare aggrappati alla vita (l’arrendevolezza, la disperazione, la determinazione), tre modi di vedere la morte (attesa inerme di un evento ormai inevitabile, fatalità improvvisa con cui dover convivere, tentativo di cogliere l’ultima occasione per ripulirsi l’anima ).

        Tre storie che si intrecciano in una struttura intricatissima in cui non solo non esiste un continuum spazio-temporale, ma il regista si diverte anche, per piccoli accenni e per scene che sembrano non avere un legame logico tra di loro, a fare intuire la storia a brandelli, poco a poco. Uno dei precedenti cui si rimanda è il bellissimo “Memento” di Cristopher Nolan, anche se in quel film almeno si procedeva a ritroso; in questo caso non c’è (apparentemente) più logica. E questo non fa altro che aumentare l’attenzione dello spettatore: il film assume l’aspetto intrigante di un enigma da risolvere, di un puzzle da ricomporre pezzo per pezzo.

        Lo stile della narrazione, ma anche delle immagine, è forte e aspro. Si utilizza lo stesso espediente tecnico di “Traffic” (il montatore è lo stesso). Ogni storia ha una propria gradazione di colore che aiuta a distinguere le vicende e sottolinea le atmosfere diverse che caratterizzano ciascun capitolo del film: le tonalità sono rivolte al blu per le scene che hanno per protagonista Penn, rosso-arancio per le scene di Jack (Del Toro) e una via di mezzo (tanto a sottolineare che il personaggio è il trait-d’union tra gli altri due) per la storia che ha per protagonista la Watts. Siamo nel solco tracciato da “Mystic River” di Eastwood. Le luci sono quelle naturali, tetre e cupe (tanto per sottolineare l’atmosfera pesante che già crea sapientemente la sceneggiatura). I fotogrammi sono spiccatamente sgranati. L’ambientazione a Memphis non è per niente solare (eppure siamo nel Sud degli Stati Uniti) e forse il regista (non facendo alcun accenno alla città), ha voluto indicare che questa storia sarebbe potuta accadere in qualsiasi altro posto.

        Forse un pugno allo stomaco, un film pesante e disturbante che comunque sa colpire nel segno e che ha abbandonato ogni segno di ottimismo, bandendolo da questo mondo, o forse racchiudendolo in quei “21 Grammi” che il nostro corpo perde nel momento della morte.

                                     Daniele T.

 

 

Il sito ufficiale del film

www.21-grams.com

 

 

I Voti degli Altri

Movie Maniac Parade

Ciak

Corriere della Sera

International Movie Data Base

INCASSI

(USA / Italia)

8,40 / 10

Molto Bello

*** / 5

Appetitoso

*** / 5

Interessante

8,00 / 10

(21-01-04)

Medi / Medi

 

 

Le Date

Uscita del Film

Visione del Film

Pubblicaz. Scheda

Ultimo Aggiornam.

16 - 01 - 2004

18 - 01 - 2004

21 - 01 - 2004

 

 

 

Commenta tu...    

Manda il tuo commento

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail    

Inserisci il tuo nickname per la pubblicazione del commento  

Inserisci il tuo commento

  

  

   Seleziona l'opzione se non vuoi che il tuo indirizzo venga inserito nella mailing list di Movie Maniac

 

 

I Visitatori di Movie Maniac    

I commenti sono aggiornati ogni Domenica; quando il tuo commento verrà inserito sarai avvisato tramite mail.

Nickname carlito Data 06-02-2004
Commento assolutamente straordinario, una struttura filmica degna di un genio del cinema e...una naomi watts incredibile
 

 

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!