Top Film di Stagione

 

 

Febbraio 2004

 

 

Scheda

Voto & Vota

Plot

La Recensione

Sito del Film

I Voti

Le Date

Commenta tu... I Visitatori di MM

 

Big Fish - Le storie di una vita incredibile

Scheda               

Regia

Tim Burton

Genere

Fantastico

Anno

2003

Nazionalità

USA

Interpreti

Ewan McGregor, Albert Finney, Helena Bonham Carter, Billy Crudup, Jessica Lange, Danny De Vito

Titolo Originale

Big Fish

Durata

2 h, 05 '

 

Il Voto            

8,10 /  10

Dai il TUO voto al Film

inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!

      

 

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

Controlla il voto medio del film...

o la Posizione del film nella "MM Parade"

 

ATTENZIONE! Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

Il Plot

         Edward Bloom (Albert Finney) è un vecchio che ama raccontare storie fantastiche sulla propria vita, storie che sembrano inverosimili, completamente inventate. Il figlio (Billy Crudup), che ultimamente non era in buoni rapporti con il padre, dato che le condizioni di salute di Edward si sono notevolmente aggravate, decide infine di andare al capezzale del padre con la fidanzata. Il padre non si lascerà scappare l'occasione di ripercorrere le proprie avventure, in particolare la storia che lo ha portato, da giovane (Ewan McGregor), ad incontrare la moglie (Jessica Lange). E di tutta un'altra serie di fantastiche avventure.

 

 

Secondo me…

 

        Bentornati nel fantastico mondo di Tim Burton. Fantastico e, come al solito, originale, fantasioso, visionario, ma questa volta meno dark e più poetico del solito.

        Ancora una volta (come in "Edward Mani di Forbice") il regista crea un mondo particolare che incanta e stupisce, che, attraverso la forza della storia, tocca lo spettatore nel profondo, anche se qui viene utilizzata meno l'arma dell'ironia (componente fondamentale, invece, nel gotico "Il Mistero di Sleepy Hollow").

        Come il regista dice in una intervista a Ciak, in "Big Fish" si parla del tema del sottile confine che distingue le frottole dalla verità, la fantasia dalla realtà, e arriva a realizzare "una storia aperta a mille interpretazioni, che lascia il pubblico libero del suo giudizio, invece di essere imboccato tramite consueta subliminale lobotomia". E con questo film il regista riacquista la propria anima anticonformista, dopo essersi piegato alle direttive dei produttori che ne avevano leggermente snaturato le caratteristiche in "Planet of the Apes - Il Pianeta delle Scimmie".

        Molte sono le scene suggestive, come l'incontro nel giardino della futura moglie di Edward (Alison Lohman), oppure la magnifica scena in cui Ed la vede per la prima volta, il tempo si ferma e il nostro eroe è costretto, per ammirare la donna amata, ad attraversare una pioggia di pop-corn. Sequenze memorabili (ne potrei citare un'infinità di altre) che non restano però slegate l'una dall'altra, ma sono collegate da un sapiente montaggio che fa continui salti tra il vecchio Ed che racconta al figlio e alla fidanzata e le vicende di Edward da giovane.

        E, qui più che mai (più che in "Batman" e "Batman - Il Ritorno"), accostandosi a "Mars Attack", Burton crea una galleria di personaggi straordinari, avvalorati da una azzeccata operazione di casting e dalle performance di attori perfetti per le rispettive parti, che il regista sa porre sapientemente al completo servizio della sua "visione" della storia. Dal sempre più versatile, completo e maturo Ewan McGregor (non sembra nemmeno la stessa persona di "Abbasso l'Amore", di "Star Wars" o di "Moulin Rouge"), alla bravissima Helena Bonham Carter (sia quando recita con la propria faccia, sia quando è celata dietro il pesante trucco che la trasforma in una vecchia strega), al rinato Danny De Vito (l'avido impresario del circo), al gigante con cui Ed se ne va dal paese natale, Spectre.

        E, a proposito di Specre, ancora una volta la cittadina perfetta dove tutto è in ordine, luminoso e armonioso (qui anche più in profondità che nella distesa di villette a schiera di "Edward Mani di Forbice") diventa, nella metafora di Burton, un luogo asfittico, una tomba da cui scappare, un posto dove non è possibile continuare a vivere. Ma, come dice il regista, ognuno può trovare le metafore che vuole, ogni spettatore può vivere il film da punti di vista diversi, come le care vecchie favole della nostra infanzia. A proposito di favole, il prossimo appuntamento con il grande regista sarà per il remake "Willy Wonka e la Fabbrica di Cioccolato". Non vedo l'ora...

                                             Daniele T.

 

 

Il sito ufficiale del film

www.bigfish-ilfilm.it

 

 

I Voti degli Altri

Movie Maniac Parade

Ciak

Corriere della Sera

International Movie Data Base

INCASSI

(USA / Italia)

8,10 / 10

Molto Bello

*** / 5

Appetitoso

***** / 5

Da non perdere

8,00 / 10

(27-02-04)

Alti / Medi

 

 

Le Date

Uscita del Film

Visione del Film

Pubblicaz. Scheda

Ultimo Aggiornam.

27 - 02 - 2004

28 - 02 - 2004

02 - 03 - 2004

 

 

 

Commenta tu...    

Manda il tuo commento

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail    

Inserisci il tuo nickname per la pubblicazione del commento  

Inserisci il tuo commento

  

  

   Seleziona l'opzione se non vuoi che il tuo indirizzo venga inserito nella mailing list di Movie Maniac

 

 

I Visitatori di Movie Maniac    

I commenti sono aggiornati ogni Domenica; quando il tuo commento verrà inserito sarai avvisato tramite mail.

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!