Top Film

 

Piergiorgio Ravasio

 

Movie Maniac

HOME PAGE

CERCA IL FILM

INDICE

DI TUTTI I FILM

Novità

Classifiche

Box Office

 

TORNA SU

Scheda

Voto & Vota

Link

Date

Recensione

 

 

 Scheda tecnica

Bride Wars - La mia migliore nemica

Regia

Gary Winick

Genere

Commedia

Anno

2009

Nazionalità

U.S.A.

Interpreti

Kate Hudson, Anne Hathaway, Candice Bergen, Bryan Greenberg, Steve Howey, Kristen Johnston, Chris Pratt, Casey Wilson, June Diane Raphael, Jason Mulcahy

Titolo Originale

Bride Wars

Durata

1 h, 39 '

Produzione

Firm Films, New Regency Pictures, Sunrise Entertainment

Distribuzione (It)

20th Century Fox

TORNA SU

 

Il Voto         Dai il TUO voto al Film In Uscita il... Scheda del...

 

di Piergiorgio Ravasio

 

6,00 /  10

Inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!          

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

  

 

La Classifica di Movie Maniac: "MM Parade"

20-02-2009

12-02-2009

Siti ufficiali del film:
www.foxinternational.com/bridewars

www.20thfox.it/lamiamigliornemica

ATTENZIONE!

Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

La Trama / L'Opinione

di Piergiorgio Ravasio

TORNA SU

        Ogni matrimonio ha la sua storia; e non sempre questa storia riguarda necessariamente una sposa e uno sposo. Non stiamo parlando di coppie di fatto o di riconoscimento di diritti a persone dello stesso sesso. Piuttosto di una curiosa coincidenza (e, aggiungiamoci, anche tragica conseguenza con lieto fine) che capita a due amiche del cuore.

        Liv ed Emma - pur non potendo essere più unite e più diverse - si conoscono e si frequentano assiduamente dall'infanzia. Liv (la Kate Hudson di "Come farsi lasciare in 10 giorni" e "Tutti pazzi per l'oro", qui anche in veste di produttrice) è un avvocato di successo, leader naturale che sa ciò che vuole e sa altrettanto esattamente come ottenerlo. Emma (Anne Hathaway resa celebre a fianco di Meryl Streep nel successo del 2006 "Il diavolo veste Prada" e nel più recente "Rachel sta per sposarsi") è, invece, un'insegnante coscienziosa, eccessivamente empatica e generosa, che attraversa la vita in un modo un po' troppo passivo. Sicuramente amica gentile e leale, ma che si trova a proprio agio stando sullo sfondo. Ma tutto ciò sta per cambiare...

        Fin da piccole ognuna delle due ha sempre avuto in mente che l'altra sarebbe stata la sua damigella d'onore in occasione del proprio matrimonio. Purtroppo succede che un deplorevole errore provoca la sovrapposizione delle date dei due lieti eventi. Conseguenza di tutto ciò sarà che le due donne si troveranno costrette a trovare qualcun'altra per l'importante ruolo, non prima di aver innescato un'escalation di ostilità reciproche, all'insegna di beffe e ingegnosi tiri mancini, destinati a far andare a rotoli il grande giorno l'una dell'altra e a dare fuoco alla miccia di un'amicizia in procinto di implodere.

        Commedia sicuramente molto leggera e piacevole; storia divertente ma anche piena di sentimento che il regista Gary Winick (forse qualcuno se lo ricorda qualche anno fa per il film d'animazione digitale/live action "La tela di Carlotta") costruisce sfruttando i classici cliché della commedia, senza aggiungere grandi novità.

        Pur nella prevedibilità di alcune scene, la pellicola avanza senza particolari sconvolgimenti e senza cadute di tono, rivelandosi per quello che è: un piccolo film perfetto per passare il tempo (neanche novanta minuti) e rilassarsi in compagnia degli amici o della propria famiglia.

        In una frenetica e molto glamour New York il tornado in cui vorticano gli eventi bellici nuziali (che gettano uno sguardo unico e irriverente sul mondo delle donne), si evolve allontanandosi dall'aspetto battagliero del rapporto per approfondire la complessa e profonda amicizia tra queste due donne che, fin dall'infanzia, hanno condiviso il sogno di un matrimonio perfetto.

        Nonostante il titolo, "Bride wars" è fondamentalmente una celebrazione della fragilità ma anche della resistenza dell'amicizia; quel sentimento che tanto ci lega e ci completa ma che, talvolta, può diventare anche territorio accidentato, specie quando si conoscono molto bene le mancanze e le insicurezze dell'altra persona. Forse, certe volte, serve anche allontanarsi per capire in che modo crescere come persone e come amici. E alla fine rendersi conto che, probabilmente, la persona che più di tutte ci vuole bene l'abbiamo sempre avuta accanto per tutta la vita.

Piergiorgio Ravasio

 

TORNA SU

 

Home

Novità

Tutti i Film

Classifiche

Box Office

Cerca il film