Top Film di Stagione

 

 

Febbraio 2003

 

 

Scheda

Voto & Vota

Plot

La Recensione

Sito del Film

I Voti

Le Date

Commenta tu... I Visitatori di MM

 

Chicago

Scheda               

Regia

Rob Marshall

Genere

Musicale

Anno

2002

Nazionalità

USA

Interpreti

Renèe Zellweger, Catherine Zeta-Jones, Richard Gere, John C. Reilly

Titolo Originale

Chicago

Durata

1 h, 53'

 

Il Voto            

9,00 /  10

Dai il TUO voto al Film

inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!

      

 

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

Controlla il voto medio del film...

o la Posizione del film nella "MM Parade"

 

ATTENZIONE! Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

Il Plot

        Nella Chicago del 1929 una ragazza cerca di sfondare in tutti i modi nel mondo dello spettacolo, si fa ingannare e uccide l'approfittatore di turno. Viene subito arrestata dalla polizia e rinchiusa nel braccio della morte (sezione femminile) con altre donne che si erano macchiate dello stesso crimine. Al suo servizio, grazie all'aiuto di Mama (Queen Latifah), si mette un avvocato di successo che farà di tutto per riabilitare l'immagine della protagonista e per cercare di farla assolvere.

 

 

 

Secondo me…

        Non si può non parlare di "Chicago" senza fare riferimenti a "Moulin Rouge", il rivoluzionario musical che ha dato una svolta al genere (facendolo risorgere dopo lunghi anni di sonno) e rappresenta, quindi, una pietra miliare in questo campo. Questo riuscitissimo musical di Rob Marshall ha molti elementi che lo contraddistinguono dal film di Luhrmann con l'accoppiata MacGregor - Kidman.

        Innanzitutto si tratta di un evidente "ritorno al passato", cioè ai classici musical realizzati fino ad alcuni anni fa: estrema cura dei dettagli, delle coreografie, delle ambientazioni sceniche, della luce e della fotografia. Inoltre, dove in "Moulin Rouge" venivano messe in evidenza le sfarzose e barocche scenografie, qui invece gli sfondi vengono lasciati in ombra, spesso servono solo ad isolare le figure in primo piano e a metterle in risalto (vengono usati prevalentemente fondali neri o di colore scuro, con un frequente uso degli specchi o dei riflessi). In realtà in qualche segmento del film è evidente l'influenza di "Moulin Rouge", come nel caso delle zoomate e degli stacchi velocissimi (spesso in asse) al ritmo di musica.

        "Chicago", a differenza del film di Baz Luhrmann dove la storia era impostata sul flash-back, si svolge linearmente ed è strutturato su due piani narrativi differenti, che si integrano perfettamente tra loro grazie ad un sapiente e lodevole lavoro di montaggio. I due piani sono messi bene in evidenza anche grazie ad una scelta cromatica differente. Da una parte ci sono le scene in cui prevalgono i colori naturali che perfettamente si adattano alla ricostruzione della violenta e glamour Chicago degli anni '20. Dall'altra parte ci sono le parti più prettamente "musical" in cui prevalgono i colori della passione: viola, blu, rosso, con scenografie e costumi molto meno sgargianti e "circensi" rispetto a quelli che si trovavano in "Moulin Rouge". I due piani si intersecano continuamente e portano avanti la narrazione integrandosi e valorizzandosi a vicenda. Risultato: i minuti volano e il film intrattiene senza che il meccanismo si inceppi in alcun punto.

        Anche il clima è differente da quello di "Moulin Rouge". Là si passava da parti serie o decisamente drammatiche a parti prettamente comiche, qui invece si resta (pur parlando di una storia essenzialmente drammatica) sul sottile filo dell'ironia e questa aria leggera e scanzonata la si respira per tutto il film, sia nelle parti musicali che nelle parti "parlate" che a queste fanno da raccordo. Uno dei momenti migliori è stata la scena in bianco e nero costruita come un cinegiornale d'epoca. E poi, che meraviglioso tocco di eleganza e classe il presentatore di colore che introduce i vari personaggi e i momenti musicali presenti nel film!  

        Infine anche gli attori hanno un ruolo diverso rispetto a "Moulin Rouge". In quest'ultimo film Nicole Kidman e Ewan MacGregor erano al centro dell'attenzione; qui si ha un maggiore lavoro di gruppo. Gli interpreti sono tutti eccezionali: a partire dalla bravissima Zellweger, alla bellissima e dotata (chi se lo sarebbe immaginato) Zeta-Jones, al carismatico Richard Gere, qui in una veste insolitamente spiritosa (forse una delle migliori parti che l'attore abbia avuto occasione di interpretare). Per non parlare della imponente Latifah e del diafano (o, come dice lui, "uomo cellophane") John C. Reilly.

        Un musical, grande e raffinato spettacolo da non perdere. Per tutti gli amanti del genere, ed anche per tutti gli altri.

                             Daniele T.

 

Il sito ufficiale del film

www.miramax.com/chicago

 

 

I Voti degli Altri

Movie Maniac Parade

Ciak

Corriere della Sera

International Movie Data Base

INCASSI

(USA / Italia)

9,00 / 10

Bellissimo

**** / 5

Da non perdere

**** / 5

Molto Bello

  Alti / Medio-Alti

 

 

Le Date

Uscita del Film

Visione del Film

Pubblicaz. Scheda

Ultimo Aggiornam.

 

22 - 02 - 2003

22 - 02 - 2003

 

 

 

Commenta tu...    

Manda il tuo commento

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail    

Inserisci il tuo nickname per la pubblicazione del commento  

Inserisci il tuo commento

  

  

   Seleziona l'opzione se non vuoi che il tuo indirizzo venga inserito nella mailing list di Movie Maniac

 

 

I Visitatori di Movie Maniac    

I commenti sono aggiornati ogni Domenica; quando il tuo commento verrà inserito sarai avvisato tramite mail.

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!