Top Film

della Stagione

 

 

Settembre 2004

 

 

 

Scheda

Voto & Vota

In

Breve...

Plot

La Recensione

Sito del Film

I Voti

Le Date

Commenta tu... I Visitatori di MM

 

Donnie Darko

Scheda               

Regia

Richard Kelly

Genere

Thriller / Drammatico

Anno

2001

Nazionalità

USA

Personaggi

Jake Gyllenhaal, Jena Malone, Patrick Swayze, Drew Barrymore

Titolo Originale

Donnie Darko

Durata

1 h, 53 '

 

Il Voto            

7,95 /  10

Dai il TUO voto al Film

inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!

      

 

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

Controlla il voto medio del film...

o la Posizione del film nella "MM Parade"

 

In breve...

Film molto originale, visionario e inquietante. Uscito a ridosso della tragedia dell’11 Settembre 2001, “Donnie Darko” è diventato cult solo in home video. Tutto il film ruota attorno al protagonista, ora fragile bravo ragazzo, ora inquietante come pochi. Donnie mette a nudo le ipocrisie della società, quasi come se il suo animo fosse l’unico rimasto innocente e coraggioso, e abbatte con la sua arguzia chi vorrebbe abbindolare e manipolare l'opinione pubblica. Unico scudo: gli affetti. Un giustiziere non privo di ombre. Eppure, nella scena finale, diventa un eroe.

 

ATTENZIONE! Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

Il Plot

     

        Donnie Darko (Jake Gyllenhaal) è un ragazzo schizzato in cura da una psicologa e sotto l'effetto di medicinali molto pesanti. A Donnie capita spesso di fare il sonnambulo e di eseguire, quasi in stato di trance, i dettami di un misterioso coniglio nero, Frank. Durante una di queste visioni a Donnie viene confessato che il mondo sarà destinato a finire da lì a 28 giorni. Nel frattempo il rendimento a scuola non è proprio considerabile esaltante e i genitori di Donnie vengono spesso chiamati dal preside per la indisciplina del ragazzo. Grazie a Frank una notte Donnie si salva miracolosamente da un disastro: un motore di aereo è precipitato proprio sulla sua stanza. Un motore misterioso, visto che non si riesce a capire esattamente da dove provenga…

 

 

Secondo me…

     

        Film molto originale, visionario e inquietante. Uscito nel 2001 a ridosso della tragedia dell’11 Settembre, “Donnie Darko” è stato un insuccesso clamoroso al box office, per rifarsi poi, una volta distribuito in home video, fino a divenire un film di culto, un manifesto per un’intera generazione. Il successo è stato tale che ora è disponibile anche un “director’s cut” di 20 minuti più lungo della pellicola distribuita in sala. Ora, notate che tempismo, finalmente il film è anche arrivato da noi, anche se è stato necessario aspettare più di tre anni dopo la sua uscita americana.

        “Donnie Darko” va un po’ interpretato, a partire dalla faccia del protagonista attorno a cui tutto il film ruota. Nella scena di apertura Donnie si risveglia sull’asfalto di una strada; i motivi, per ora, resteranno sconosciuti, li si scoprirà gradualmente. Jake Gyllenhaal è adattissimo alla parte ed esprime senza difficoltà tutta la complessità del personaggio. In alcune scene, quando è in compagnia della ragazza o della madre, l’attore mette in rilievo senza difficoltà la normalità, la fragilità, l'essere un bravo ragazzo del suo personaggio. A questi momenti se ne alternano altri in cui invece prevale il tormento interiore, comincia ad emergere il lato oscuro (e la sua espressione diventa un misto di disgusto, odio e orrore; lo sguardo si fa inquietante come pochi, una via di mezzo tra quello di uno zombie e di un demone).

        Donnie, come il film di cui è protagonista, è un ragazzo che va interpretato: nonostante soffra di una patologia schizzoide piuttosto grave, che gli fa immaginare di parlare con esseri irreali, riesce a mettere a nudo buona parte delle ipocrisie e dei lati oscuri della società (cosiddetta “per bene”) in cui vive, quasi come se il suo animo fosse l’unico rimasto innocente e coraggioso (visto quanto è disposto a dare per la persona amata), quasi come i suoi occhi fossero gli unici in grado di cogliere la realtà delle cose osservandola freddamente (senza lasciarsi imbrogliare dai cialtroni come la maggioranza delle persone comuni), abbattendo con le sue provocazioni argute (come succede con le domande rivolte al “santone” Swaize) il muro di inganni ordito per abbindolare e manipolare l'opinione pubblica. Donnie va avanti sulla sua strada, non preoccupandosi di doversi scontrare con il modo di vedere della società o con il conformismo della maggioranza delle persone che acceca anche coloro che dovrebbero insegnargli qualcosa. Peccato che la massa si riveli spesso tanto ottusa da non voler sentire ragioni, nemmeno quando la verità è lì davanti che la guarda.

        Unico scudo contro il mondo esterno si rivelano essere gli affetti, sia quelli più forti (per i familiari in particolare: bellissimo è il rapporto con la madre, ma anche la complicità con il padre, più comprensivo verso le bravate del figlio di quanto gli altri riterrebbero lecito), sia quelli che stanno per nascere (con la ragazza conosciuta a scuola: simpaticissimo il momento in cui i due decidono di mettersi insieme).

        Donnie Darko è, in un certo senso, un giustiziere: non si sa quanto le sue azioni siano dettate da Harry, il suo amico travestito da coniglio nero, e quanto siano dettate dal buon senso. Ma, nonostante questo, la figura di Donnie non è certamente priva di ombre: i suoi metodi non sono per nulla ortodossi, anche se forse non sempre dipendono dalla sua volontà, e la malattia di frequente gli oscura la mente. Eppure, nella scena finale (dove si ha finalmente la quadratura del cerchio della vicenda), Donnie da giustiziere diventa un eroe, dimostrando di essere in grado di diventare padrone del proprio destino.

        Queste sono solo alcune delle osservazioni che si possono trarre dalla visione del film, che resta comunque oggetto oscuro e misterioso (i vettori che escono dall’addome delle persone come vanno interpretati? Che significato hanno?) ma per questo anche estremamente affascinante. Aperto a mille chiavi di lettura. Qual è la tua?    

            Daniele Toninelli

 

 

Il sito ufficiale del film

www.donniedarko.it

 

 

I Voti degli Altri

Movie Maniac Parade

Ciak

Corriere della Sera

International Movie Data Base

INCASSI

(USA / Italia)

7,95 / 10

Bello

*** 1/2 / 5

Più che appetitoso

*** / 5

Interessante

8,30 / 10

(18-12-04)

Bassi / Medio-Alti

 

 

Le Date

Uscita del Film

Visione del Film

Pubblicaz. Scheda

Ultimo Aggiornam.

26 - 11 - 2004

12 - 12 - 2004

19 - 12 - 2004

 

 

 

Commenta tu...    

Manda il tuo commento

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail    

Inserisci il tuo nickname per la pubblicazione del commento  

Inserisci il tuo commento

  

  

   Seleziona il punto qui a sinistra se non vuoi che il tuo indirizzo venga inserito nella mailing list di Movie Maniac

 

 

I Visitatori di Movie Maniac    

I commenti sono aggiornati ogni Domenica; quando il tuo commento verrà inserito sarai avvisato via mail.

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!

 

 

Nickname tsutomu Data 11-04-2005
Commento

da svarione

 

 

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!