Top Film di Stagione

 

 

Gennaio 2003

 

 

Scheda

Voto & Vota

Plot

La Recensione

Sito del Film

I Voti

Le Date

Commenta tu... I Visitatori di MM

 

Gangs of New York

Scheda               

Regia

Martin Scorsese

Genere

Drammatico

Anno

2002

Nazionalità

USA

Interpreti

Leonardo DiCaprio, Daniel Day-Lewis, Cameron Diaz

Titolo Originale

Gangs of New York

Durata

2 h, 48'

 

Il Voto            

8,40 /  10

Dai il TUO voto al Film

inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!

      

 

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

Controlla il voto medio del film...

o la Posizione del film nella "MM Parade"

 

ATTENZIONE! Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

Il Plot

        Amsterdam Vallon (Leonardo DiCaprio) è un bambino, figlio di un prete immigrato negli Stati Uniti dall’Irlanda; vive nel malfamato quartiere di Five Points, nel cuore della New York del 1863, dove le guerre tra le bande rivali per il predominio sul quartiere sono all’ordine del giorno.  Arriverà il giorno della resa dei conti tra le due fazioni, e, in una sanguinosissima battaglia tra la banda dei Conigli Morti (capitanata dal padre di Amsterdam) e i Nativi Americani (capitanata da Bill il macellaio, interpretato da Daniel Day-Lewis), verrà ucciso proprio il padre di Amsterdam.   Sedici anni più tardi il bambino, mandato via da Five Points, tornerà a New York e tenterà di vendicare l’uccisione del padre: prima si ingrazierà le simpatie di Bill, poi farà risorgere la banda dei Conigli Morti.

 

 

Secondo me…

                Ci sono film per cui la presenza scenica e il carisma di un attore basterebbero a sostenere l’intera pellicola. E’ un po’ il caso di “Gangs of New York”, un film la cui uscita è stata più volte rimandata, la cui lavorazione è stata molto sofferta per i contrasti tra regista e produttore (Weinstein della Miramax), uno dei più attesi film di questa stagione. Uno dei due elementi che fanno di “Gangs of New York” un’opera da non perdere è la performance del ritrovato Daniel Day-Lewis (l’ultima sua apparizione cinematografica risale al 1997 per “The Boxer”). Il suo personaggio regge quasi tutto il film, la sua "costruzione" del cattivo (un cattivo adorabile) è splendida, il suo calarsi nel personaggio (si dice anche fuori scena) è perfetto.

        Niente male nemmeno i comprimari, sia DiCaprio (che non fa altro che confermarsi bravo interprete), che la eccezionalmente rossa Cameron Diaz (per una volta la biondina tutto pepe emerge, più che per la solita simpatia e bellezza solare, per una recitazione molto apprezzabile).

        Il secondo elemento che fa di “Gangs of New York” un’opera da non perdere è la regia di Martin Scorsese (che appare anche in un cameo in una delle ville nobili "saccheggiate" da Cameron Diaz); regia validamente sostenuta da un montaggio serrato (che evita le lungaggini “letali” di “L’Età dell’Innocenza” e di altre opere del regista) e dalle imponenti scenografie di Dante Ferretti (realizzate negli studi di Cinecittà, a Roma). Rimane un po’ la classica “pesantezza” dello stile di Scorsese, ma qui ha come unico esito quello di esaltare il lato “mastodontico” e spettacolare del film, di rendere più solida la vicenda.

        Il risultato finale è, come dice Porro su “Sette”, un “affresco in movimento”, in cui il colore dominante è il rosso del sangue e della violenza che tinge la neve e le strade, un affresco in cui Scorsese, partendo dalla feccia di Five Points, dall’odio e dalle guerre tra le bande del quartiere, dalla storia di due nemici per la pelle che comunque sanno riconoscere il valore dell’avversario, ricostruisce le origini incivili di una città, di un popolo, di una nazione, di una civiltà (la frase di lancio è simbolica: "L'america è nata nelle strade", nelle corrotte strade di Five Points). La rivalità tra Amsterdam e Bill e la loro lotta all’ultimo sangue verrà spazzata via da qualcosa di più grande, dal progresso e dalla civiltà che sembrano potersi affermare solo grazie a fiumi di sangue. Scorsese ci mostra come anche una civiltà che si proclama simbolo della Libertà può essere stata fondata e costruita sulla violenza, sulla disperazione, sull’odio e sul dolore.

                             Daniele T.

 

Il sito ufficiale del film

www.gangsofnewyork.com

 

 

I Voti degli Altri

Movie Maniac Parade

Ciak

Corriere della Sera

International Movie Data Base

INCASSI

(USA / Italia)

8,40 / 10

Molto Bello

Colpo di Fulmine *** / 5

Interessante

7,50 / 10 Medio-Bassi / Medio-Alti

 

 

Le Date

Uscita del Film

Visione del Film

Pubblicaz. Scheda

Ultimo Aggiornam.

 

25 - 01 - 2003

27 - 01 - 2003

 

 

 

Commenta tu...    

Manda il tuo commento

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail    

Inserisci il tuo nickname per la pubblicazione del commento  

Inserisci il tuo commento

  

  

   Seleziona l'opzione se non vuoi che il tuo indirizzo venga inserito nella mailing list di Movie Maniac

 

 

I Visitatori di Movie Maniac    

I commenti sono aggiornati ogni Domenica; quando il tuo commento verrà inserito sarai avvisato tramite mail.

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!