Top Film

 

Piergiorgio Ravasio

 

Movie Maniac

HOME PAGE

CERCA IL FILM

INDICE

DI TUTTI I FILM

Novità

Classifiche

Box Office

 

TORNA SU

Scheda

Voto & Vota

Link

Date

Recensione

Spazio Aperto Commenta tu...

 

 

 Scheda tecnica

Ghost Son

Regia

Lamberto Bava

Genere

Drammatico / Thriller

Anno

2006

Nazionalità

Italia, Sudafrica, Spagna, Gran Bretagna

Interpreti

John Hannah, Laura Harring, Pete Postlethwaite, Coralina Cataldi Tassoni

Titolo Originale

Ghost Son

Durata

- h, -- '

Produzione

C.R.C., Camarote Films, Ghost Son Films Limited,
Moviworld, Star Edizioni Cinematografiche

Distribuzione

Moviemax

TORNA SU

Il Voto         Dai il TUO voto al Film In Uscita il... Scheda del...

 

di Piergiorgio Ravasio

 

6,50 /  10

Inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!          

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

  

 

La Classifica di Movie Maniac: "MM Parade"

04-05-2007

02-04-2007

Sito ufficiale del film:

www.ghostson.com

www.ghostson.it

ATTENZIONE!

Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

La Trama / L'Opinione

di Piergiorgio Ravasio

TORNA SU

        Lamberto Bava è sicuramente uno degli autori più conosciuti ed apprezzati per un cinema di genere che ha tanti seguaci ed estimatori non solo nel nostro paese. Dopo l´iniziale parentesi di apprendistato col padre (quel Mario che tanto ha dato alla cinematografia italiana), qualche produzione che ottiene unanime consenso da parte degli addetti ai lavori ("Macabro") e alcune collaborazioni con Dario Argento ("Inferno"), arrivano le sue prime produzioni, tra cui non possiamo dimenticare "La casa con la scala nel buio", "Demoni", "Demoni 2", "Morirai a mezzanotte", "Le foto di Gioia". Dopo aver realizzato l´ultimo film per il cinema nel 1992 ("Body Puzzle") ed essersi affermato definitivamente come autore televisivo realizzando alcuni prodotti di grande riscontro di pubblico (tra i quali il noto "Fantaghirò"), il regista romano torna ora nelle sale con una produzione mix tra Italia, Sud Africa, Gran Bretagna e Spagna presentandoci una storia di quell´intenso amore che non vuole arrendersi alla morte, ma che la oltrepassa fino a riversarsi nello sconfinato universo del paranormale e soprannaturale.

        Luogo di ambientazione della vicenda è una fattoria in terra africana, dove vivono i coniugi Stacey (la Laura Harring del pluripremiato "Mulholland drive") e Mark (John Hannah che si è fatto conoscere al grande pubblico con l´interpretazione di Matthew in "Quattro matrimoni e un funerale" e del ragazzo romantico in "Sliding doors"). Un´esistenza, la loro, dominata da un grande amore, unico ed estremo, più forte della morte. Un amore che sopravvive nei silenzi delle grandi estensioni, tra i misteri di una cultura sconosciuta ed incompresa. Un amore che ha radici profonde come la casa isolata nella pianura senza fine e che per vivere ha bisogno dell'estremo sacrificio della morte.

        Stacey, infatti, per raggiungere Mark morto tragicamente in un incidente stradale, deve seguirne la stessa fine. Amore e morte, morte e vita. Martin è il tramite; lui, il figlio del fantasma, quello che deve indurre la madre a morire. Ma Martin è anche suo figlio, è la vita. E così Stacey, alla fine, sceglierà per la vita.

        La pellicola, pur registrando una netta distinzione tra la prima parte (quella della storia d´amore tra i due) e un secondo momento (che contempla l´uscita di scena del marito con conseguente comparsa del figlioletto), riesce ad attrarre e a mantenere in maniera costante quell'atmosfera di tensione indispensabile per un film di questo stampo. Merito innegabile dei buoni effetti visivi (dai quali però, con tutta sincerità, dobbiamo ignorare la scena oltremodo grottesca del bambino che rimette) e delle tipiche scene di paura che non mancheranno di farci sobbalzare. Effetti visivi che sicuramente non appagheranno quanti si aspettano un film con quel tripudio di sangue che ha reso famoso Lamberto Bava per i suoi precedenti "Demoni" e "Demoni 2".

        Un riconoscimento anche alla fotografia di Giovanni Canevari che, fresco di storie da "Manuale d´amore", riesce a ben immortalare l'immagine del paesaggio sudafricano con la sua bellezza, le sue tradizioni, superstizioni, rituali ed eventi inspiegabili nonché ad offrici un´immagine sufficientemente inquietante del piccolo bambino.

        Pur nella convenzionalità di una trama che rievoca il classico spirito del defunto che torna nel regno dei vivi per restare accanto alla donna amata, a Lamberto Bava va il merito di aver realizzato un risultato che, forse grazie proprio ad una trama lenta ma penetrante, riesce a strappare un voto positivo. Peccato per il finale che rovina un po' la storia, macchiandosi di quel costume troppo diffuso nel cinema horror di non voler mai mettere la parola fine alle varie circostanze. Ma forse anche questa è un'avvertenza: il limite che segna il confine tra il mondo dei vivi e quello dei morti potrebbe essere molto impercettibile e la porta che li separa sempre socchiusa.

Piergiorgio Ravasio

 

Spazio Aperto    

i commenti dei visitatori di Movie Maniac

TORNA SU

 

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!

 

 

 

Commenta tu...    

il tuo commento al film

TORNA SU

 

Manda il tuo commento

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail

(quando il tuo commento verrà inserito sarai avvisato via mail)

Inserisci il tuo nickname

(per la pubblicazione del commento)

Inserisci il tuo commento

  

   Seleziona il punto se non vuoi essere inserito nella mailing list di Movie Maniac

     

 

TORNA SU

 

Home

Novità

Tutti i Film

Classifiche

Box Office

Cerca il film