Top Film

 

Piergiorgio Ravasio

 

TORNA SU

Scheda

Voto & Vota

Storia

Recensione

Spazio Aperto Commenta tu...

INDICE DI

 TUTTI I FILM

Movie Maniac

 HOME PAGE

 

 Scheda tecnica

I Figli degli Uomini

Regia

Alfonso Cuarón

Genere

Drammatico, Thriller

Anno

2006

Nazionalità

USA

Interpreti

Clive Owen, Julianne Moore, Michael Caine, Chiwetel Ejiofor, Charlie Hunnam, Claire-Hope Ashitey

Titolo Originale

Children of men

Durata

1 h, 54 '

Produzione

Universal Pictures, Strike Entertainment, Beacon Communications LLC, Hit & Run Productions, Quietus Productions Ltd

Distribuzione

UIP

TORNA SU

Il Voto         Dai il TUO voto al Film In Uscita il... Scheda del...

 

di Piergiorgio Ravasio

 

6,50 /  10

inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!

      

 

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

  

 

La Classifica di Movie Maniac: "MM Parade"

17-11-2006

07-11-2006

 

ATTENZIONE!

Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

La Trama / L'Opinione

di Piergiorgio Ravasio

TORNA SU

        Per il filmmaker Cuarón ("Y tu mamá también" e "Harry Potter e il prigioniero di Azkaban") nulla è impossibile. Può raccontare con disinvoltura qualunque storia: da un mordace commento sociale, a un thriller noir, a un libro per l'infanzia, una commedia "on the road" o una fiaba dai toni magici. Perciò non fa meraviglia che il suo ultimo film, adattamento cinematografico della stimata autrice inglese di gialli P. D. James, si possa considerare un nobile inno al tema della speranza.

        Siamo in un immaginario anno 2027. L'umanità pare inesorabilmente destinata alla sua totale scomparsa. Figli non vengono più creati; l'illegalità imperversa; clandestini e immigrati approdano da varie parti e sono destinati alle più crudeli forme di isolamento; c'è chi vive e lotta ancora per i diritti degli ultimi e chi, rassegnato, cerca di vivere alla meglio giorno dopo giorno. Tra questi ultimi c'è Theo (Clive Owen): un tempo lottava in prima linea per il cambiamento. Ormai ha esaurito le proprie risorse fisiche e mentali e si è rassegnato a vivere in una società che non nutre più alcuna speranza di sopravvivenza. Quando Kee sta per dare alla luce il primo membro di una nuova generazione, la battaglia per proteggere la sua incolumità darà a Theo una seconda possibilità: quella di riscoprire in se stesso l'amore per la vita.

        Una storia molto adatta per parlare del mondo di oggi, con la scusa che si tratta del "prossimo futuro". Un film, dunque, sul presente e sulle circostanze odierne che sono alla base di quello che sarà il nostro futuro. "Children of men" ci prospetta un mondo ancora riconoscibile, ma i cui connotati lentamente si dissolvono in un immediato avvenire che pare avviarsi verso l'estinzione. Gli attuali fenomeni della massiccia immigrazione globale, dei parecchi anni di colonialismo, uniti alle epidemie continentali, alla crescente ondata di terrorismo internazionale, ai cambiamenti climatici ... possono senz'altro minare il nostro futuro. Scenario, questo, che viene immaginato nel film "I figli degli uomini".

        Immigrazione, ambiente, fertilità: questi i temi centrali portati sullo schermo da Cuarón, tutti legati fra di loro, e che concorrono alla fine del nostro pianeta. I pericoli paventati dal film non sono poi così remoti. E in questo senso la storia intende risvegliare le coscienze su questi problemi. Le coscienze dei singoli e quelle degli stati; proprio quei governi che, anziché unirsi ed aiutarsi reciprocamente, si comportano in modo opposto.

        Saggiamente il regista usa la tecnica di astenersi dal commentare l'azione del film. Si limita ad osservarla, lasciando al pubblico la possibilità di trarre le proprie conclusioni. Dà allo spettatore la scelta tra il distaccarsi o l'immedesimarsi. Un film che non dà risposte, bensì solleva domande, genera pensieri, ci ammonisce e ci spinge a desiderare un futuro migliore. L'umanità del film pare avere uno straordinario talento per l'autodistruzione, ma al tempo stesso è anche capace di solidarietà e di superare insieme i problemi. Alla fine, infatti, il film vuole spingere l'acceleratore non tanto sull'umanità distruttiva quanto sul potere delle ideologie e delle azioni al loro servizio.

        L'interpretazione di Clive Owen, Julianne Moore e Michael Caine, conferiscono al film quella forma di dinamismo che rende la trama particolarmente scorrevole, coinvolgente e senza momenti vuoti. La scelta di girare il film nella Londra odierna contribuisce, a livello di scenografia e fotografia, a disegnare quel mondo cupo, grigio e quella tristezza intrinseca che ben si connota alle tematiche rappresentate, riproducendo lo scenario di un paesaggio postbellico con cenni di vita quasi tribale. Una visione artistica di tutto rispetto che non mancherà di coinvolgere lo spettatore offrendo spunti per dibattiti e riflessioni, a cominciare dallo stupendo "grido di speranza" che accompagna i titoli di coda.

Piergiorgio Ravasio

 

Spazio Aperto    

i commenti dei visitatori di Movie Maniac

TORNA SU

 

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!

 

 

Commenta tu...    

il tuo commento al film

TORNA SU

 

Manda il tuo commento

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail    

Inserisci il tuo nickname per la pubblicazione del commento  

Inserisci il tuo commento

  

   Seleziona il punto qui a sinistra se non vuoi che il tuo indirizzo venga inserito nella mailing list di Movie Maniac

      Quando il tuo commento verrà inserito sarai avvisato via mail.

 

TORNA SU