Top Film

della Stagione

 

 

Settembre 2004

 

 

TORNA SU

Scheda

Sito Ufficiale

Voto & Vota

In Breve...

La Storia

La Recensione

La Pagella Le Date Spazio Aperto Commenta tu...

INDICE

DI TUTTI I FILM

Movie Maniac

HOME PAGE

 

 

 Scheda tecnica

Il Castello Errante di Howl     

Regia

Hayao Miyazaki

Genere

Animazione / Fantastico

Anno

2004

Nazionalità

Giappone

Personaggi

Sophie, Howl, Strega delle Langhe

Titolo Originale

Hauru no ugoku shiro

Durata

1 h, 59 '

 

Il sito ufficiale del film

www.luckyred.it

TORNA SU

 

Il Voto         Dai il TUO voto al Film In breve... 

 

di Daniele Toninelli

 

8,95 /  10

inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!

      

 

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

  

 

La Classifica di Movie Maniac: "MM Parade"

Miyazaki non smette di stupire: con "Il Castello Errante di Howl" firma un'opera fondamentale, una storia originalissima, piena di trovate, idee ed evoluzioni sorprendenti. Ma anche interessante confronto tra due culture tanto differenti e spunto di riflessione su alcuni ingredienti fondamentali della nostra vita: amicizia, solidarietà, amore, forza di volontà, pace. La forza visiva delle immagini è enorme e lascia con la bocca aperta. I personaggi maturano con lo scorrere dei fotogrammi e sono tratteggiati con giochi di ombre e luce che ne aumentano la definizione. "Il Castello Errante di Howl" è una vera opera d'arte, una fiaba fantastica in cui lasciarsi trasportare ed incantare è un piacere.   DT

TORNA SU

 

ATTENZIONE!

Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

La Trama

di Daniele Toninelli

TORNA SU

 

        Sophie è una ragazzina che lavora in un negozio di cappelli fatti a mano. Un giorno, mentre si aggira per le vie della città, si imbatte in due loschi individui, ma per fortuna viene messa in salvo da un ragazzo misterioso dagli strani poteri magici. Poco tempo più tardi entra nel negozio di Sophie una vecchia strega, temuta da tutti, la Strega delle Langhe; pensando che la ragazzina sia amica di Howl, gli lancia una maledizione. Sophie invecchia di colpo e, per non farsi vedere dai familiari, decide di partire. Durante il viaggio che la porta fuori città si imbatte in Testa di Rapa, uno spaventapasseri che la aiuta a trovare riparo in un castello "errante". Si tratta del fantastico castello di Howl, mago molto conosciuto in città che si dice possa rubare il cuore delle ragazze. Sophie entra nel castello e incontra uno strano ragazzino che sembra essere il padrone di casa. Fa un patto con un altro strano abitante del castello e riesce a restare ospite di Howl rendendosi utile come donna delle pulizie. Intanto la guerra imperversa in ogni dove...

 

Secondo me…    (la recensione)

di Daniele Toninelli

TORNA SU

        Dopo un capolavoro acclamato come "La Città Incantata" (Oscar come migliore film di animazione) il genio di Miyazaki (premio alla carriera al Festival del Cinema di Venezia, nel 2005) non smette di stupire. E con "Il Castello Errante di Howl" firma un'altra opera fondamentale della storia del cinema d'animazione.

        In primo luogo la storia è originalissima e piena di trovate, idee, evoluzioni sorprendenti. Probabilmente anche perchè la cultura giapponese è tanto diversa dalla nostra: le favole sono tutte popolate da spiriti buoni e cattivi, da personaggi stranissimi e particolari, completamente differenti da quelli protagonisti delle favole che ci venivano raccontate da bambini. E già di per sè questo aspetto rende il film molto affascinante ed interessante per comprendere le differenze basilari tra le nostre culture.

        Ma la storia del film è anche spunto per molte riflessioni su alcuni degli ingredienti più importanti della nostra vita: l'amicizia, la solidarietà, l'amore, la forza di volontà, ...  .  Ma rispecchia anche vizi e virtù della società di oggi, di ciascuno di noi. Tanto per fare un esempio (ma la pellicola è ricca di riferimenti di questo tipo), basta pensare alla reazione di Howl che vorrebbe morire per avere sbagliato la tinta dei capelli. Quale più acuta frecciata si sarebbe potuta fare ad una società come la nostra dove le apparenze contano tanto e dove c'è il culto dell'aspetto estetico. E l'incoraggiamento di Sophie che, dopo aver spiegato ad Howl che sta bene comunque, scappa in lacrime per il fatto che sa di non essere mai stata bella? Ma questo è solo un piccolo esempio. Viene anche affrontato il tema della guerra e della sua inutilità; le chiavi di lettura con si possono leggere diversi passaggi del film possono essere molte altre.

        La forza visiva delle immagini, poi, è enorme. Ogni scena, ogni fondale (come già succedeva con "La Città Incantata") lasciano gli spettatori con la bocca aperta. Per la numerosità straordinaria dei dettagli, per la brillantezza dei colori, per la raffinatezza di ogni tratto, per la magia che solo disegni tanto ben fatti possono creare, per la sorpresa che riescono a suscitare. Già da solo il castello errante è un opera d'arte. Evidentemente concepita da un genio dell'arte visiva che sa attingere al pozzo della propria fantasia ricreando scenari fantastici, situazioni incredibili, personaggi singolari e dotati di una tridimensionalità sorprendente. E poi molti tratti dei personaggi mi ricordano i cartoon giapponesi che mi hanno accompagnato nell'infanzia: all'inizio, quando si vede il castello errante emergere dalle nubi, mi pareva addirittura di rivedere la capanna di Heidi, le sue caprette e i suoi monti, e poi gli occhioni dei protagonisti mi ricordavano quelli di Lady Oscar. Tutto ciò contribuisce a creare un'atmosfera familiare e accogliente.

        Come sostiene Alberto Pezzotta su "Vivimilano", "tutti i personaggi sono ambivalenti", nessuno è completamente buono o cattivo, non ci sono nette fratture tra bianco e nero, simpatici e antipatici, eroi e malvagi di turno e "i cattivi sono recuperabili con l'amore". A proposito, quale modo più appropriato ci può essere per rappresentare l'amore sullo schermo cinematografico che mostrarne le conseguenze? L'amore trasforma fisicamente Sophie, la ringiovanisce, fa diventare Howl quasi un altro essere, lo rende disposto a sacrificarsi, addolcisce anche una temibile strega. Ogni personaggio matura, muta con lo scorrere dei fotogrammi, è tratteggiato con chiaroscuri e giochi di ombre e luce che ne aumentano la definizione rendendo le figure disegnate così incredibilmente reali, pur essendo immerse in una atmosfera irreale, surreale e fantastica.

        "Il Castello Errante di Howl" è un'opera d'arte, un altro capolavoro immaginifico di un genio dell'animazione. La forza visiva delle immagini, la sorprendente fantasia infusa nella sceneggiatura, la maestria nell'ideare e tratteggiare i personaggi e un modo sobrio e delicato di narrare le vicende portano lo spettatore ad immergersi, per un minuto meno di due ore, in una atmosfera da fiaba, in cui lasciarsi trasportare ed incantare.

Daniele Toninelli

 

La Pagella  

i voti al film

TORNA SU

 

Movie Maniac Parade

Ciak

Corriere della Sera

International Movie Data Base

INCASSI

(USA / Italia)

8,95 / 10

Molto Bello

**** / 5

Molto Bello

**** / 5

Molto Bello

8,20 / 10

(15-09-05)

- /

Bassi

 

Le Date

uscita, visione, pubblicazione scheda, ...

TORNA SU

 

Uscita del Film

Visione del Film

Luogo Visione

Pubblicazione Scheda

Ultimo Aggiornamento

09 - 09 - 2005

14 - 09 - 2005

Warner Village (Vimercate)

Sala 13

15 - 09 - 2005

 

 

Spazio Aperto    

i commenti dei visitatori di Movie Maniac

TORNA SU

 

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!

 

 

Nickname sophie Data 26-10-2005
Commento Che capolavoro assoluto!Il film è meraviglioso perchè pur essendo un cartone non è assolutamente scontato o banale.é un film tenero struggente e seducente da vedere e rivedere!

 

Nickname SuseDolAmr Data 26-12-2005
Commento Nice page.. my Italian is limited however.
Help please. Can anyone tell me what Hauro sais in the Italian version for the English: "Howl: [tragically] I don't see the point in living if I can't be beautiful."
Please?

 

Nickname -saretta- Data 20-02-2006
Commento sono rimasta incantata da questo spettacolare capolavoro, per non dire che mi sono innamorata pazzamente di Howl!! é prorpio fantastico lo rivedrei sempre e sempre!!

 

Nickname Mirko Data 24-04-2006
Commento Ci sono diversi errori, innanzitutto la strega delle lanDe, non delle langhe... inoltre la storia deriva da una fiaba inglese, quindi la cultura giapponese c'entra ben poco in quanto spiritelli ecc. c'erano già nell'originale!
Il film è davvero stupendo!
 

 

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!

 

Commenta tu...    

il tuo commento al film

TORNA SU

 

Manda il tuo commento

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail    

Inserisci il tuo nickname per la pubblicazione del commento  

Inserisci il tuo commento

  

   Seleziona il punto qui a sinistra se non vuoi che il tuo indirizzo venga inserito nella mailing list di Movie Maniac

      Quando il tuo commento verrà inserito sarai avvisato via mail.

 

TORNA SU