Top Film

 

Piergiorgio Ravasio

 

TORNA SU

Scheda

Voto & Vota

Storia

Recensione

Spazio Aperto Commenta tu...

INDICE DI

 TUTTI I FILM

Movie Maniac

 HOME PAGE

 

 Scheda tecnica

Il Labirinto del Fauno

Regia

Guillermo del Toro

Genere

Fantastico, Drammatico

Anno

2006

Nazionalità

Messico, Spagna, USA

Interpreti

Ivana Baquero, Doug Jones, Sergi López, Ariadna Gil, Maribel Verdú

Titolo Originale

El laberinto del fauno

Durata

1 h, 52 '

Produzione

Warner Bros., Tequila Gang, Esperanto Filmoj, Estudios Piccaso, OMM, Sententia Entertainment, Telecinco

Distribuzione

Videa-CDE, Warner Bros. Pictures Italia

TORNA SU

Il Voto         Dai il TUO voto al Film In Uscita il... Scheda del...

 

di Piergiorgio Ravasio

 

7,00 /  10

inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!

      

 

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

  

 

La Classifica di Movie Maniac: "MM Parade"

24-11-2006

20-11-2006

 

ATTENZIONE!

Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

La Trama / L'Opinione

di Piergiorgio Ravasio

TORNA SU

        Presentato in concorso al Festival di Cannes, Guillermo del Toro ci regala un film affascinante, completamente originale, la cui idea è stata a lungo pensata e maturata nel tempo. Il suo primo lungometraggio, risalente al 1992, fu "Cronos". Rivisitazione moderna del classico mito del vampiro, è stato immediatamente acclamato dai critici di tutto il mondo, vincendo numerosi premi internazionali. Il plauso della critica gli hai poi spianato la strada per le successive opere ("Mimic", "Blade II", "Hellboy" e il recente "La spina del diavolo", presentato come una storia di fantasmi, ma che in realtà racconta una vicenda profondamente umana di bambini che affrontano un'atmosfera di guerra). Anche quest'ultima sua produzione si distingue per due aspetti che normalmente non rappresentano un diffuso connubio nel mondo della celluloide.

        Siamo nella Spagna del 1944, al termine della Guerra Civile. Carmen, reduce da un secondo matrimonio, va a vivere con la figlia Ofelia nella casa del nuovo marito Vidal. Questi, capitano dell'esercito di Francisco Franco, è un uomo autoritario, freddo, crudele e spietato. Non solo in ambito militare ma anche nei rapporti con le due donne. Proprio per questa ragione la piccola Ofelia finisce per trovare serenità solamente nell'immenso labirinto che costeggia la grande casa di famiglia. Qui incontrerà Pan: un fauno; una creatura magica, custode del labirinto, che le dirà di essere la principessa di un regno magico le cui porte si apriranno solamente al compimento della terza missione.

        Partendo dall'intenzione di non realizzare un film fantasy, ma un'opera destinata ad un pubblico più vasto, il regista mischia abilmente generi tra loro diversi: quello fantastico con quello storico. Ne risulta un film drammatico ambientato in un contesto di guerra, con l'aggiunta di fate ed elementi mitologici. Queste creature fantastiche, tuttavia, non sono il fulcro della narrazione poichè la pellicola finisce per ruotare soprattutto intorno ad una storia molto toccante e commovente, profondamente umana e tragica.

        Il periodo storico del fascismo non viene trattato in modo diretto ed esplicito, ma in maniera simbolica e codificata. L'orrore di questa epoca diventa così l'argomento centrale che viene calato all'interno di questa favola rendendo il Capitano Vidal il mostro di gran lunga peggiore e più spaventoso delle creature che si nascondono nell'ombra del labirinto stesso.

        Il risultato, dunque, è quello di un film molto personale, ben riuscito, emotivamente coinvolgente nonché un'opera unica nel panorama del cinema contemporaneo. Due mondi allo specchio in un eterno confronto: il mondo reale e il mondo immaginario. Il primo molto cupo, freddo e sterminatore; il secondo dorato, colorato, caldo e dominato dalla fantasia e dalla bellezza. Una storia che solleva interrogativi universali che spesso riguardano anche la nostra vita, le nostre azioni e le nostre scelte. Una favola (da non sottovalutare) perché alla fine anche tutti noi siamo dei bambini perduti all'interno della nostra favola personale.

Piergiorgio Ravasio

 

Spazio Aperto    

i commenti dei visitatori di Movie Maniac

TORNA SU

 

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!

 

 

Commenta tu...    

il tuo commento al film

TORNA SU

 

Manda il tuo commento

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail    

Inserisci il tuo nickname per la pubblicazione del commento  

Inserisci il tuo commento

  

   Seleziona il punto qui a sinistra se non vuoi che il tuo indirizzo venga inserito nella mailing list di Movie Maniac

      Quando il tuo commento verrà inserito sarai avvisato via mail.

 

TORNA SU