Top Film

 

Piergiorgio Ravasio

 

Movie Maniac

HOME PAGE

CERCA IL FILM

INDICE

DI TUTTI I FILM

Novitā

Classifiche

Box Office

 

TORNA SU

Scheda

Voto & Vota

Link

Date

Recensione

 

 

 Scheda tecnica

Il Papā di Giovanna

Regia

Pupi Avati

Genere

Drammatico

Anno

2008

Nazionalitā

Italia

Interpreti

Silvio Orlando, Francesca Neri, Ezio Greggio, Alba Rohrwacher, Serena Grandi, Gloria Cocco

Titolo Originale

Il Papā di Giovanna

Durata

1 h, 44 '

Produzione

 

Distribuzione (It)

Medusa

TORNA SU

 

Il Voto         Dai il TUO voto al Film In Uscita il... Scheda del...

 

di Piergiorgio Ravasio

 

7,00 /  10

Inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!          

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

  

 

La Classifica di Movie Maniac: "MM Parade"

12-09-2008

30-08-2008

Siti ufficiali del film:
 

ATTENZIONE!

Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

La Trama / L'Opinione

di Piergiorgio Ravasio

TORNA SU

        Giovanna Casali, giovane ragazza della provincia bolognese, spinta da questioni di gelosia, uccide la sua migliore amica finendo in un carcere psichiatrico di Reggio Emilia. A farle compagnia durante gli anni bui della sua vita ci sarā solo il padre - insegnante nella stessa scuola in cui studiava la figlia - con i suoi sensi di colpa e rimorsi per l'eccessivo attaccamento verso la ragazza e per non averle permesso, nonostante gli ammonimenti della moglie, di costruirsi liberamente la propria esistenza.

        Dopo gli horror ("Zeder" e "La casa dalle finestre che ridono"), i vari ricordi di feste campagnole ("Storie di ragazzi e ragazze"), la monotonia di certi lavori ("Impiegati"), le partite a poker ("Regalo di Natale"), il viaggio di un figlio per il matrimonio della madre ("La seconda notte di nozze") e il tentativo di sistemare un padre sulla via del tramonto ("La cena per farli conoscere"), Pupi Avati torna nella sua amata Bologna per continuare a narrare storie sugli uomini.

        Scrupoloso come sempre nella cura dei minimi dettagli, il regista riprende ad esplorare la tematica del delicato rapporto tra un padre e sua figlia; un'acuta e profonda riflessione sulla figura paterna e il rapporto molto stretto, di grande complicitā, tra i due consanguinei, calato in quella Bologna del 1938 dove, da sempre, la sua immaginazione riesce a spaziare libera da incertezze; dove lui ha avviato la conoscenza della vita e di tutto ciō che lo ha segnato in modo indelebile.

        Presentato in concorso alla 65esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, l'opera č risultata molto convincente per la sua intensitā sia da un punto di vista narrativo che dal punto di vista del coinvolgimento emotivo. Un buon mix di generi che, dal thriller, passando per un contesto storico ben preciso (la Seconda Guerra Mondiale), arriva al dramma familiare del tentativo ostinato di un padre di soccorrere costantemente e ossessivamente sua figlia in ogni sua azione, fino al punto in cui la ragazza giunge a compiere un gesto sconsiderato.

        Pellicola dal tono inconfondibile, molto lontana tanto dal comico e dal grottesco che hanno fatto grande la commedia italiana, quanto da quella forma di intellettualismo molto ricercata nel cinema d'autore nazionale. Un cinema che, percorrendo strade attraversate da forti tensioni personali, si colloca su un terreno molto diverso dalle classiche mode produttive italiane e, in ogni caso, sicuramente lontano da quell'interesse popolare diretto principalmente verso la commedia leggera. Qui non c'č da ridere o divertirsi. Non si entra in sala per uno svago di un'ora e mezza. Qui si assiste alla vicenda umana di un padre, vissuta soprattutto attraverso i suoi occhi, dove lui avverte in maniera sempre pių pressante la sua responsabilitā per quanto commesso dalla figlia e per l'infelicitā della sua esistenza. Qui siamo invitati ad interrogarci ancora di pių sulla responsabilitā e sulla fatica di quel mestiere particolare che č il genitore. Qui ci invitano a riflettere sulla delusione delle aspettative dei nostri figli e sulle conseguenze, a volte tragiche e devastanti, che si possono determinare.

        A farci gettare lo sguardo sul mondo, sui sentimenti e sulle aspettative dei vari personaggi č un cast sicuramente all'altezza della situazione e di tutto rispetto che, il direttore d'orchestra Pupi Avati, dirige con grande maestria. Personaggi ben definiti, come il regista ha dimostrato di saper sempre fare, e che vedono in prima linea uno strepitoso Silvio Orlando nel ruolo del padre (con tanto di premio per la sua indimenticabile interpretazione). Volto tra i pių rappresentativi del cinema d'autore italiano contemporaneo, attore che si attiene sempre ad una recitazione sobria e misurata, che ha recitato sotto la direzione dei vari Nanni Moretti, Paolo Virzė, Carlo Mazzacurati e Antonello Grimaldi, Silvio Orlando č il terzo insegnante della filmografia di Avati. Dopo il Carlo Delle Piane di "Una gita scolastica" e il Neri Marcorč di "Il cuore altrove", eredita da quei caratteri alcuni aspetti riconducibili ad un eccesso di sensibilitā, ma con un cambio di registro che converte la commedia in dramma. Intensitā espressiva da manuale del perfetto attore, personaggio complesso, sfaccettato e molto umano, č lui il perno dell'intera pellicola e attorno al quale ruota l'intera vicenda. Č lui l'artefice di quell'amore eccessivo e iper protettivo per la figlia che la renderā immatura e non pronta ad affrontare la vita fuori dal nucleo familiare. Č sempre lui a non percepire quel disagio giovanile che sfocerā in un legame morboso dal quale, perō, viene escluso l'altro genitore.

        Nel ruolo di quella madre che (a differenza del marito) nessuno vorrebbe avere accanto a sé, Francesca Neri riconferma senza incertezza alcuna il suo straordinario talento interpretando una donna incapace di esserlo fino in fondo. Donna lontana e poi, una volta ferita e sconvolta per l'accaduto, incapace di reagire, Delia (questo il suo nome) non ha un grande rapporto con la figlia, dalla quale si sente esclusa. Vittima dei suoi limiti e delle sue incapacitā, quando arriva l'evento tragico che rende Giovanna un'omicida, lei non riuscirā ad accettarlo e a difenderla come farā invece suo marito.

        La tragedia, giā conseguente ad un matrimonio senza entusiasmi particolari, la porterā a rinnegare la propria famiglia, a non rivedere pių Giovanna e a chiudersi in se stessa con una grande disperazione interiore.

        Una commedia insolitamente dura, aspra e drammatica a cui un contributo va riconosciuto anche ad Ezio Greggio (ispettore di polizia e amico di famiglia), mezzo busto storico di "Striscia la notizia" e di tante commedie firmate dai pių importanti registi della comicitā italiana (Carlo Vanzina, Castellano e Pipolo, Enrico Oldoini e Neri Parenti). Attore che Pupi Avati ha il merito di sdoganare levandogli gli abiti del personaggio televisivo e della commedia, dando spazio ad un lavoro completamente diverso e ad una buona prova di attore con tutta l'umiltā del caso.

        E come trascurare, alla fine di tutto, lei: la protagonista principale. Quella Giovanna (la Alba Rohrwacher di "Mio fratello č figlio unico", "Giorni e nuvole", "Riprendimi" e "Caos calmo"), dal ruolo tutt'altro che seducente, che, seppur molto giovane, giā dimostra grande talento e sensibilitā.

        Padre, madre e figlia: famiglia come istituzione, ma anche come luogo in cui i figli devono crescere. Ma fino a che punto puō arrivare l'amore di un genitore per la propria creatura? Quanto č giusto perdere la propria vita per dedicarsi interamente a quella della propria figlia? Quanto č doveroso che i genitori incidano nella formazione dei propri figli? Interrogativi a cui la pellicola non pretende di rispondere ma che, con altrettanta delicatezza e tono molto sommesso, sembra voglia insinuarci qualche altro dubbio. Che la famiglia, da sola, non basti pių come luogo principale per la crescita delle nuove generazioni?

Piergiorgio Ravasio

 

TORNA SU

 

Home

Novitā

Tutti i Film

Classifiche

Box Office

Cerca il film