Top Film

della Stagione

 

 

Settembre 2004

 

 

TORNA SU

Scheda

Link

Voto & Vota

In Breve...

La Storia

La Recensione

La Pagella Le Date Spazio Aperto Commenta tu...

INDICE

DI TUTTI I FILM

Movie Maniac

HOME PAGE

 

 

 Scheda tecnica

La Sposa Cadavere

Regia

Tim Burton

Genere

Animazione / Fantastico

Anno

2005

Nazionalità

USA

Personaggi

Victor, la Sposa Emily, Victoria, i coniugi Van Dort, pastore Galswells, Mr Bonejangles

Titolo Originale

Corpse Bride

Durata

1 h, 16 '

 

Link Il sito ufficiale

http://corpsebridemovie.warnerbros.com

Il Forum

MM Forum

La scheda di...

Pierre

TORNA SU

 

Il Voto         Dai il TUO voto al Film In breve... 

 

di Daniele Toninelli

 

9,05 /  10

inserisci il tuo indirizzo e-mail  

e... vota!

      

 

   non voglio essere inserito nella mailing-list

 

  

 

La Classifica di Movie Maniac: "MM Parade"

Favola gotica, originale, tecnicamente ineccepibile, ideale per il genio di Burton. La Sposa Cadavere è un incanto. Scorre via velocissimo, tra canzoni, riflessioni e momenti di fine, macabra ironia, con personaggi che sfondano lo schermo in tutta la loro complessità. E, la nostra concezione del mondo è ribaltata: la Terra dei morti è viva, colorata; il mondo dei Vivi tetro, trionfo di cattiveria e opportunismo, burocratizzato. La fiaba ci aiuta a riflettere sul mondo reale. Essenziale è il ruolo della musica meravigliosa di Elfman: il pianoforte è vettore di poesia e sintonia. In complesso, un capolavoro capace di comunicare, attraverso personaggi di plastilina e silicone, poesia e emozioni.   DT

TORNA SU

 

ATTENZIONE!

Se non vuoi anticipazioni sulla trama NON LEGGERE le parti SCRITTE IN BLU.

 

La Trama

di Daniele Toninelli

TORNA SU

 

        Victor è il promesso sposo di Victoria. I due non si conoscono minimamente, ma i rispettivi genitori hanno pianificato il matrimonio pensando di riuscire a renderlo, per le rispettive famiglie, un affare d'oro. Finalmente arriva il giorno in cui Victor e i genitori si recano a casa di Vittoria per fare le prove della cerimonia di nozze. Durante l'incontro con il pastore Galswells, Victor, però, non riesce a pronunciare e memorizzare la propria parte delle formula. Il matrimonio non potrà aver luogo fino a quando lo sposo non la avrà imparata. Victor è affranto, si è innamorato di Victoria e si rifugia nel vicino bosco per provare le proprie battute. Durante le prove della formula, però, infila l'anello in un ramo rinsecchito che spunta dal suolo. In realtà non si tratta di un ramo, ma della scheletrica mano di una sposa deceduta poco prima di riuscire a sposarsi. La promessa di matrimonio è valida, e la Sposa Cadavere trascina Victor, il proprio sposo, nella Terra dei Morti...

 

Secondo me…    (la recensione)

di Daniele Toninelli

TORNA SU

        Favola gotica, originale, spiazzante, tecnicamente ineccepibile. Quale migliore campo di applicazione per la genialità di Tim Burton? Con “La Sposa Cadavere” il regista americano (qui dirige a quattro mani con Mike Johnson, sceneggia e produce) trova pane per i propri denti, come successo di recente anche con il magnifico “La Fabbrica di Cioccolato”; e la sua impronta è evidente in ogni singolo fotogramma. Peccato solo che nella versione italiana non si possano sentire le voci originali (tra cui gli ormai inseparabili Johnny Depp, collaboratore fisso di Burton, e Elena Bonham-Carter, consorte del regista). La vicenda è ispirata ad una favola ebraica russa: la storia originale, del XIX secolo, narra dell'assassinio di molti ebrei nel giorno del loro matrimonio. Per evitare che dessero vita a discendenti, venivano uccisi e seppelliti con ancora indosso l'abito di nozze insanguinato.

        “La Sposa Cadavere”, che non è per nulla caratterizzato dalla violenza macabra della fiaba (cui è solo ispirato), prende decisamente una propria personale strada ed è, in definitiva, un incanto. Scorre via velocissimo, tra canzoni e lazzi, tra riflessioni e momenti di fine, macabra ironia, tra momenti trascinanti e personaggi che sfondano lo schermo in tutta la loro complessità. E, rispetto alla nostra concezione del mondo, il film ribalta tutto: la Terra dei morti è vivace, solare, scanzonata e colorata: non c’è posto per l’ipocrisia e la cattiveria che dominano, invece, il mondo dei Vivi. Questo ultimo è ritratto (la scelta cromatica è azzeccatissima) come un luogo tetro, spento, "morto", appunto.

        E i colori smorti, spenti, si riflettono nel trionfo della cattiveria e dell’opportunismo: ognuno pensa ai propri interessi economici (la famiglia della promessa sposa, il conte misterioso venuto da lontano, la famiglia di Victor) e tutti sono schiavi di convenzioni burocratiche che impantanano tutto, anche l’amore che sboccia tra due promessi sposi. Solo nella Terra dei Morti Victor sarà in grado di riacquistare il senno che rischiava di perdere nella “terra di sopra”. E arriverà alla convinzione di compiere un gesto estremo (ed estremamente altruistico) per mettere infine pace alle vicende della tormentata Sposa Cadavere. Come al solito Burton usa il proprio favoloso mondo da fiaba (gotica, ma pur sempre fiaba) per farci riflettere sul mondo reale, sulla nostra vita di tutti i giorni. E quale contrappunto più fragoroso ci può essere, per la nostra mente, nel vedere che nel regno dei morti (tanto temuto) si vive più che da noi, nel vero senso della parola?

        Nel film, è essenziale il ruolo della musica in generale e del pianoforte in particolare. E non solo per i piacevoli siparietti musicali che sporadicamente portano avanti la narrazione della vicenda. La meravigliosa musica di Danny Elfman (altro abituale collaboratore di Burton) accompagna e sottolinea in ogni scena la poesia del film: pare essere, per Victor, un'ancora di salvezza (come ne "Il Pianista" di Polanski), una connotazione di purezza non ancora infangata e corrotta dai vizi della Terra dei Vivi. Ma la musica è anche vettore d'amore: è un pianoforte, infatti, a far scattare la scintilla tra i promessi sposi, e a far trovare momenti di estrema intimità e sintonia tra lo spaesato Victor e la cadaverica Sposa. Attraverso la musica di un pianoforte, Victor capisce il vero stato d'animo della Sposa Cadavere ed è in grado di condividere tutti i suoi tormenti. Le due scene con protagoniste le note dei due pianoforti sono fantastiche, emozionanti, coinvolgenti (anzi, travolgenti). Un concentrato di vera passione, un momento di estrema poesia. Senza la meccanica artificiosità che invece si è vista in "La Tigre e la Neve" di Benigni.

        "La Sposa Cadavere" è stato realizzato con la tecnica stop-motion (la stessa usata, ad esempio, in “Nightmare bifore Christmas” e in “Galline in Fuga”). Le immagini sono composte da una serie di fotografie successive che immortalano il movimento dei personaggi di plastilina, la cui posizione viene cambiata millimetricamente da una immagine all’altra. Impressionante la mole di lavoro, se si pensa che sono necessarie ben 25 foto per realizzare un solo secondo di film; ed in ogni immagine i personaggi hanno una posizione leggermente differente: settimane di lavoro per pochi secondi di film. Il risultato, comunque, è eccellente. Ancora di più meraviglioso, poi, se valorizzato dalla proiezione digitale: le immagini sono di una nitidezza e di brillantezza veramente eccelse. Il film, in effetti, è stato il primo caso di stop-motion per cui le riprese sono state effettuate con particolari cineprese digitali. E le immagini digitali (ormai i proiettori digitali, partiti dall'Arcadia di Melzo, si stanno diffondendo un po' in tutta Italia) sono  perfette per valorizzare questo piccolo capolavoro di un genio della cinematografia moderna che è capace di comunicare, attraverso semplici personaggi di plastilina e silicone, poesia e emozioni al pubblico di tutto il mondo. Da non perdere!

Daniele Toninelli

Commenta il film sul nuovo Forum di Movie Maniac: MM Forum

 

La Pagella  

i voti al film

TORNA SU

 

Movie Maniac Parade

Ciak

Corriere della Sera

International Movie Data Base

INCASSI

(USA / Italia)

9,05 / 10

Bellissimo

Colpo di Fulmine ***** / 5

Da Non Perdere

7,40 / 10

(02-11-05)

Molto Alti /

Alti

 

Le Date

uscita, visione, pubblicazione scheda, ...

TORNA SU

 

Uscita del Film

Visione del Film

Luogo Visione

Pubblicazione Scheda

Ultimo Aggiornamento

28 - 10 - 2005

01 - 11 - 2005

Arcadia (Melzo)

Sala Aria

in digitale

03 - 11 - 2005

 

 

Spazio Aperto    

i commenti dei visitatori di Movie Maniac

TORNA SU

 

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!

 

Commenta il film sul nuovo Forum di Movie Maniac: MM Forum

 

Nickname morgan Data 21-11-2005
Commento

Il film e' bellissimo,Tim Burton e' uno dei migliori registi a livello mondiale.Ha iniziato a farmi sognare gia' da quando ero piu' piccola con Edward mani di forbice!I suoi lavori sono colmi di sentimenti,suspance,emozioni,e... ... chi piu' ne ha piu' ne metta!!!!Ho intenzione di vedere anche gli altri film che non visto, al piu' presto spero!!!!!Mi ha fatto sognare,sperare e il finale mi ha reso triste ma felice!Grazie Tim.Morgan

 

Nickname meri Data 13-12-2005
Commento

e un fil stupendo come la sceneggiatura e i personaggi sono stati creati in maniera eccellente la fine e stata ottima bravissimo il regista tim burton grandissima fantasia ora aspetterò il suo nuovo capolavoro che spero lo farà al più presto grazie ciao

 

Nickname Emily Data 21-07-2006
Commento

é il film più bello che io abbia mai visto..è davvero stupendo..mi ha trasmesso delle emozioni uniche e mi ha fatto capire tante cose sul tema dell'amore.. Tim Burton è veramente fantastico..meriterebbe il premio Oscar.

 

 

Nickname Nickname Data data
Commento

Per pubblicare IL TUO COMMENTO in questo spazio clicca QUI e compila il form!

 

Commenta tu...    

il tuo commento al film

TORNA SU

 

Manda il tuo commento

 

Inserisci il tuo indirizzo e-mail    

Inserisci il tuo nickname per la pubblicazione del commento  

Inserisci il tuo commento

  

   Seleziona il punto qui a sinistra se non vuoi che il tuo indirizzo venga inserito nella mailing list di Movie Maniac

      Quando il tuo commento verrà inserito sarai avvisato via mail.

TORNA SU